giovedì 9 aprile 2015

ASSICURAZIONI AGRICOLTURA

Si avvicina la scadenza per le assicurazioni per agricoltori: entro il 20 aprile gli imprenditori agricoli dovranno provvedere alla propria assicurazione. 

Assicurazioni Agricoltura
Assicurazioni Agricoltura

Le novitá del 2015 peró sono molte e riguardano tutto il comparto delle assicurazioni agricole agevolate, che sarà gestito nell’ambito del nuovo Piano di Sviluppo Rurale Nazionale.
Il passaggio della gestione del rischio dal primo pilastro della Pac al secondo pilastro porta molte novitá, tra cui l’inserimento delle risorse per le polizze agevolate e i fondi di mutualità.
Grazie al provvedimento detto Agricoltura 2.0 inoltre, ci sará anche una revisione del settore e delle procedure per l’accesso ai contributi, mentre varia anche la tipologia di coperture possibili, contenute nel nuovo Pan, ossia il nuovo Piano Assicurativo Nazionale.

Vediamo le novitá.
La cosiddetta polizza assicurativa anti-grandine va in soffitta, sostituita dalla classificazione delle avversità.
Vengono di fatto abolite le distinzioni tra multi rischio e pluririschio.
A dettare legge saranno le cosiddette avversità, riconosciute anche dal Fondo di Solidarietà.
Si parlerá di un solo tipo di assicurazione agricola, la cui quantificazione del danno sará pari alla differenza tra resa effettiva e resa assicurata.
Vediamo le avversitá modificate e riclassificate:
1) avversitá catastrofali, che comprenderanno alluvioni, gelo e siccità;
2) avversitá di frequenza, tra cui grandine, eccesso di neve, eccesso di pioggia, vento forte;
3) avversitá accessorie, come colpo di sole, vento caldo e sbalzi termici.

Come giá accennato verrá abolita la distinzione tra polizze multi rischio e pluririschio; in genere si potrá scegliere comunque tra possibili combinazioni di polizze che vanno dalla previsione della copertura di tutte le avversitá (polizza totale), alla combinazione di solo alcune avversitá.
La scadenza per effettuare i pagamenti per le polizze agricole sará il 20 aprile 2015 per le colture a ciclo autunno/primavera e per le colture permanenti.
Si avrá tempo fino a fine maggio per le colture a ciclo primaverile.

Il piano Pan 2015 definisce esattamente anche produzioni, tempistiche e modalità alle quali attenersi per usufruire dei contributi pubblici per i costi sostenuti per la copertura dei rischi.
In particolare sará possibile recuperare parzialmente i contributi per i costi assicurativi fino al 65% della spesa ammessa.
A disposizione 290 milioni di euro fino al 2020.
La polizza assicurativa dovrá obbligatoriamente riportare per ogni bene assicurato: il valore assicurato, la tariffa applicata, l'importo del premio, la soglia di danno, la franchigia e la presenza di polizze integrative non sottoposte ad agevolazione.