venerdì 6 marzo 2015

ASSICURAZIONI AUTO

L’IVASS, ossia l'Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni, ha presentato uno strumento molto utile per studiare l'andamento dei prezzi delle rca auto.

Si tratta dell'IPER, un’indagine statistica sui prezzi effettivi per la garanzia rc auto.
L'ultimo bollettino emanato riguarda l’ultimo trimestre 2014.

Il bollettino contiene informazioni sugli importi dei premi effettivamente pagati per la garanzia rc auto dagli assicurati su un campione di contratti di durata annuale per la copertura di autovetture ad uso privato.
Vengono presentate inoltre altre informazioni legate alle principali componenti che concorrono alla determinazione del prezzo finale, degli sconti e delle provvigioni destinate agli intermediari.
I risultati dell'indagine rivelano che il prezzo medio per la garanzia rc auto nel terzo trimestre del 2014 è pari a 489 euro.

Gli aumenti delle rca sono avvenute per lo piú a danno degli assicurati più giovani con un +0,2% e dei più anziani con un +0,5%.
Il prezzo medio degli assicurati in classe di merito universale 1 è rimasto invariato su base trimestrale, mentre per gli assicurati meno virtuosi (classi dalla 11 alla 18) hanno registrato un aumento del +0,5%.
La riduzione piu alta dei premi si registra a Caltanissetta con un -2,6%, mentre l’aumento più alto si registra a Vibo Valentia con un +2,1%.
In particolare Milano ha registrato un +0,9%, Bologna +0,7%, Roma +0,3%, Napoli -1,3%, Palermo -0,7%.
La clausola di bonus protetto è presente nel 20 per cento dei contratti e sembra venga utilizzata dalle compagnie per fidelizzare gli assicurati più virtuosi, con circa 60 euro in meno sulla rca.
Il bollettino conferma che solo il 50 per cento delle imprese offre tale clausola.